La relazione

la relazioneUn giallo psicologico e non solo. Una trama abilmente intrecciata e contorta.
Niente di scontato. Neanche l’epilogo.

Magia di un incontro. Amore di una notte.
Un uomo sposato e retto si ritrova al centro di una storia che ha poco di casuale e troppo di verità.
Un intrigo lo vede come protagonista poichè tutti puntano a lei: la relazione.
A volte poche parole possono mettere in gabbia molti uomini e un contatto d’amore può rovinare anche la più ingenua delle anime. E se poi è il desiderio a bussare alla propria porta, allora nulla può essere lasciato al caso e il destino sembra volgere ad una fine inattesa e insperata.
Camilleri è audace e voglioso. La sua scrittura è semplice e flessibile.
La storia sinuosa ed elegante. 
Appena a metà del libro ho tirato a indovinare a scoprire chi potesse essere quel burattinaio capace di ordire una simile storia e muovere le pedine di un solido incontro.
Ma la fine no, quella non riuscivo ad immaginarla.
E poi leggendo l’ultimo capitolo.. ecco che l’amaro in bocca che raggiunge il mio palato finanche ai miei pensieri.
Camilleri lascia sospeso qualcosa di importante. Ed è la fine quella che manca. Ci lascia liberi di interpretare. Spazio alla fantasia.
Poi distratta volto pagina ed eccola immobile, la fine.
Leggo e le parole mi colpiscono delusa.
Avrei voluto si fermasse li’.
A prima del disperato bisogno di spiegare qualcosa. Prima dell’evento tanto atteso.
Ed io voglio pensare che, in fondo, sarebbe stato meglio non sapere.
Voglio tenacemente portare avanti quell’oblio che mi ha rapita in poche ore.
E mi fa chiedere come si può scrivere così, semplicemente ed irrimediabilmente, superbamente.
Luna

Annunci

73 thoughts on “La relazione

  1. a volte i libri che lasciano libera “prosecuzione” mi lasciano lì per lì un po’ delusa, perché ho l’abitudine di leggere nell’attesa di come andrà a finire. in realtà scopro poi che forse mi piace di più così e, fra le mie varie ipotesi, ne prende campo una di cui raggiungo quasi la certezza.
    tu, Luna, sempre più in gamba!
    bacini 🙂

    • Amica, l’immaginazione è davvero importante e se un libro ci fa pensare a mille soluzioni aprendo i nostri orizzonti.. bhe… penso che abbia aderito al proprio compito. Grazie per le tue parole che apprezzo molto.
      Spero di trovarti bene 🙂

  2. Non sono una lettrice abituale di Camilleri ma ricordo un libro suo che mi era molto piaciuto anche se in questo momento non mi sovviene il titolo. Come questo di cui parli non apparteneva alla serie “dialettale”. Chissà… potrei fare una seconda incursione nel suo mondo.

  3. Pare che il fattaccio sia piaciuto solo a te: delle due Luna o scrivo bene o leggi le parole che non ho mai…scritto! :-). Ogni riferimento letterario è voluto.

  4. Ho visto la copertina del libro Relazione (faccio come i cani l’annuso e vedo il prezzo, 17€). L’intervista con l’autore , breve, faceva riferimento all’onestà, parola che sta diventando sempre più sbiadita, quasi difficile da leggere. Ma gari si può scambiare con…”dovestà” ma qui penso a Zazà e alla grande Gabriella Ferri http://youtu.be/3G8VLSXPyVM?list=RD3G8VLSXPyVM. Ti è piaciuto stare sulla mia solare e terribile terrazza?

  5. Il mio caro amico Andrea… Sono un fan sfegatato di Camilleri tanto da considerarlo un amico, anzi un nonno, nonno Andrea! Lo leggerò sicuramente. Lo avrei fatto comunque. Adesso ancor di più grazie alle emozioni che ci sai regalare. Kiss

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...