Cecità

cecità
Immaginate di non vedere più nulla, di colpo.
La vita si sbiadisce, scompare in un lampo e voi vi ritrovate da soli come in un deserto.

In preda all’ansia vi trascinate disperati tra un vicolo e un altro alla ricerca della verità.
Tornate a casa e non sapete se quella è casa vostra.
Toccate i vostri abiti e vi riscoprite bagnati e stanchi.
Camminate in mezzo al nulla, dove il poco è già troppo.
Cercate aiuto e trovate miseria.
Vi affidate ai vostri sensi e sentite solamente odori sgradevoli e il marcio che sa di umanità.
Ecco, io ho chiuso gli occhi e quello che ho visto è stato questo.
Lacune di morte, fiati sospesi nel tempo. Ore che volano.
Mani alla ricerca di mani. Carezze che si perdono nell’anonimato.
Violenza, tanta brutalità.
Poter cambiare le cose è impossibile, anche se sei il solo a vedere in un mondo di ciechi.
Si potesse ridurre di un attimo la sofferenza di una vita… si potesse acchiapare il tempo.
Ma niente di questo è realizzabile, le giornate si avvicendano e proseguono negli anni.
Poi d’un tratto la luce; riacquista l’anima e il vuoto, trasformandolo in universo.
Ci vedo. Ci vedo di nuovo.
Ma come dimenticare le brutture dell’uomo. 
Come riscoprire la serenità ceduta al dolore.
Non adesso, non ora che abbiamo visto veramente.
Come tornare alla vita dopo aver guardato con i veri occhi?
Dopo aver visto di cosa l’uomo è veramente capace, come si può ritornare alla ordinaria vita?
Come cancellare tutto?
Come continuare a vivere dopo aver conosciuto la morte nel cuore?
Come vivere nel silenzio dopo aver urlato di grida strazianti…

Luna

Annunci

27 thoughts on “Cecità

  1. In questo libro c’è forse il personaggio femminile più forte che io abbia mai letto. La lettura di cecità è una vera esperienza, a tratti provante e sfiancante ma assolutamente coinvolgente.

  2. una lettura per me sconvolgente, a tratti difficile, ma che ho proseguito con una curiosità che accresceva durante la lettura, per riuscire a capire il messaggio profondo che lascia. Forse è il libro che mi ha lasciato il segno più profondo

  3. L’ho letto da poco e pure recensito, stupendo . Dopo un primo assestamento di lettura, l’autore scrive senza punteggiatura inter frase, la trama è originalissima e fa capire quanto sia complesso l’animo umano! Grazie e buona continuazione

  4. Non conoscevo il libro finché non mi è capitato di vederne l’adattamento cinematografico. Ci saranno sicuramente molte differenze, ma la storia è comunque terribile e angosciante. Una discesa nel degrado e nella brutalità di un mondo che non vede e, non vedendo, non sente né esprime più nulla all’infuori della sofferenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...