Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

downloadLui ha incontrato il generale Franco, il Presidente Truman, Song Meiling, Jiang Qing e il marito Mao Tse – tung, Churchill, il compagno Stalin, il primo ministro nordcoreano Kim Il-sung, il Presidente de Gaulle, il presidente Johnson e una quantità indescrivibile di generali e amici.
Che dire, un uomo straordinario!
La cosa più interessante è il suo totale disinteresse per la politica e qualsiasi schieramento.
Mentre nel mondo divampa la guerra.
Allan ha sempre condiviso con le autorità e gli uomini che gli venivano presentati un’unica cosa: la sua passione per gli esplosivi.
E di salti in aria ce ne sono stati tanti. In primis la sua casa.
Poi il gommista, il suo amico spagnolo, i container della ferrovia. E tanti altri ancora.
L’amore non lo ha mai accompagnato nel corso della sua vita.
Forse per mancanza di tempo. O di concentrazione.
Ma alla fine lo ha trovato. A cent’anni compiuti!
E gli amici, un’eterna delusione.
Tutti morti o fatti a pezzi in sua mancanza.
Se non consideriamo i gentili signori premurosi e attenti ad invitarlo alla propria tavola.
Innumerevoli direi.
Ma non pensiamo al passato. Andiamo al presente.
Un vecchietto ha bisogno di riposo e tranquillità.
Godere i giorni che rimangono con serenità e affetto.
E un goccetto….
Questo porterà una banda scatenata, capitanata da un centenario davvero unico,  a far fuori un’intera gang di assassini e a diventare ricchi.
Tutto questo in un solo libro.
Mi esce il fumo dalle orecchie mentre cerco di ricordare tutti i personaggi incontrati in quel viaggio.
Mentre una sana risata esplode nell’aria accompagnata da una forte esclamazione: “caspita, incontrarlo un nonnino così!!!”.
Luna

 

Annunci