Harry Potter e la maledizione dell’erede

 

harry
A Natale una favola ci vuole proprio.
E questa non è una storia come le altre.
Questa è davvero magica.
Maghi, intrighi. Dinamiche piuttosto strane e sorprendenti.
Tuffi nel passato e ritorni al presente.
Storie di straordinaria follia. Amicizia, amore.
So che molti lettori non amano Harry Potter. Neanche io ne ero attratta inizialmente.
Poi tutto è cambiato.
Ho cominciato ad apprezzarlo veramente quando ho iniziato a capire il senso più profondo del racconto.
Perchè la vera magia non è riuscire ad inventare pozioni d’amore o a volare su una scopa.
Quello che ha dell’incredibile è vincere l’impresa più grande: creare l’amore.
E a Natale è come se i pensieri si facessero più grandi  e profondi.
L’anima ripercorre un anno vissuto intensamente.
La mia spesso si commuove. E si perdona.
I momenti difficili si dimenticano e tutto diventa più facile quando abbiamo accanto le persone che amiamo.
Si chiude la porta di casa e dentro rimane tutto quello che vogliamo: la nostra famiglia.
La nebbia che, a volte, avvolge i nostri cuori si dirada, disperdendosi nel tempo.
I momenti insieme diventano davvero preziosi e MAGICI.
Ormai la vita è tutta una corsa irrefrenabile, non c’è più tempo per una risata o una buona storia.
E invece io stavolta voglio soffermarmi.
Il rumore del vento, il freddo dell’inverno, la musica delle chiacchiere.
Ancora un altro Natale insieme.
E altri giorni, mesi da condividere.
Perchè la vita va avanti e non si recupera il tempo perduto.
E se fosse, davvero, per sempre Natale?
Ogni giorno sarebbe quello giusto da condividere.
E le ore, anche se tristi, volerebbero leggere.
Allora che sia, per tutti, un lieto, lietissimo giorno di festa.
Un sincero Natale di cuore a tutti noi.
Che la nostra anima possa trovare ristoro e conforto.
Con l’affetto di sempre.
Luna

Questo articolo fa parte del magazine natalizio ScrivereGiocando 2016.
Siete curiosi? Date un’occhiata!
http://www.scriveregiocando.it/natale16.html

 

Una lacrima color turchese

mauroSarebbe stato perfetto per il periodo natalizio, ma visto che Natale “dovrebbe” essere ogni giorno, ho deciso di pubblicare ugualmente questo articolo per portare all’attenzione di tutti un libro leggero ma tanto significativo.
E’ la notte di Natale. Un paese come tanti.

Le campane risuonano ovunque portando messaggi di speranza e spiritualità. La neve cade leggera. Gli animi sono sereni. I fanciulli felici.
La chiesa accoglie i fedeli pronti ad aprirsi davanti al buon Dio mentre intorno dilagano le buone intenzioni e i propositi di una dolce eternità.
Si respira del buono. I cuori formicolano di bontà e benessere.
Cosa potrebbe turbare questa inerme realtà? Quale malefica magia?
Semplice, il Bambin Gesu’ sparisce misteriosamente.
Proprio così, il Bambinello.
Ogni presepe ne risulta sfornito. Eppure c’era nei giorni precedenti. 
Il panico dilaga tra il popolo. Chi avrà osato rubare le statuine?
Forconi e imprecazioni diventano l’unica arma disponibile.
I buoni propositi vengono rimandati a periodi più fertili.

Le famiglie vanno alla ricerca degli infami profanatori di presepi.
Il silenzio che accompagnava candidamente il periodo dell’anno più atteso si trasforma, in un attimo, in rancore coagulandosi nel cuore degli uomini.

Inizia la guerra. Televisioni, giornali di tutto il mondo parlano del fenomeno che ha assunto dimensioni mondiali.
In tutta la terra manca il Bambin Gesù. E credetemi, non è cosa da poco.
L’unica reazione possibile è trovare il colpevole. Quella impensata invece è il non cercarlo.
Perchè dare la colpa a qualcuno poi? A quale scopo?
Nessuno vuole cercare dentro se’ la ragione di questa mancanza.
Tutti cercano un uomo dimenticando di guardare se stessi. Come sempre.
I problemi nascono dalla mancanza di vergogna e turbamento. 
Gli occhi che soffrono sono sempre gli stessi.
La voce della coscienza è profondamente in coma dentro di noi.
E una sparizione improvvisa invece di portare il dubbio, genera solo violenza.
Inutile negarlo. Tutto l’universo è così.
Chi possono mai essere questi mostri in grado di provocare tutto questo?
Chi questi inermi spettatori?

La risposta sfugge incerta e poi ritorna. Noi.
Luna

Canto di Natale

fantasmaUn camino scoppiettante. La luce del fuoco che ti inonda gli occhi.
Un calore che pervade l’anima.
Un libro. I nipotini.
Questo è il Natale per me. Questa è la storia che leggerei.
Ad alta voce, senza far rumore…
La vita è davvero breve per viverla da soli, ma non tutti riescono a condividerla.
A volte non si riesce veramente a capire come un giorno, passato da soli, è un giorno perso. Sprecato.
Ciò non vuol davvero dire, che bisogna stare sempre in compagnia.
Sarebbe veramente difficile e faticoso.
Ma disporre l’animo verso gli altri è qualcosa che non si apprende a scuola.
Si trova dentro di noi.
Un’esistenza spesa ad accumulare denaro, proprietà, ricchezze.
Mica male davvero. Viaggi, cene stupende, una casa con mille comodità e scarpe da urlo.
E se invece quello ricco è pure taccagno?
Se per lui è faticoso l’approccio con gli altri esseri umani?
Se non vede niente di buono nelle opere altrui?
Se è Natale… e lui è solo.. in una sera qualunque..
Non si può non immaginare questa scena. E da qui inizia la magia.
L’incanto del Natale travolge chi apre il proprio cuore.
La musica invita al suono e alle cose belle.
La speranza si fa strada tra mille lacrime e paure.
Le voci portano risate e gioia di vivere.
Che sia un Natale sereno e “che Dio benedica tutti quanti”.
Luna
P.s. Questo articolo e tanti altri ancora, li potete trovare sulla rivista online dedicata al Natale e a tutti voi!
http://issuu.com/scriveregiocando/docs/scriveregiocando2013

.......