Gilgamesh

Difficile conoscere la storia di Gilgamesh.
Tale epopea è un ciclo epico di ambientazione sumerica scritto su tavolette d’argilla risalente a circa 4500 anni fa.
E’ una storia davvero emozionante e coinvolgente.
Narra di un re tiranno e cattivo, nonostante abbia tutte le fortune del mondo Gilgamesh è un’anima feroce ed irrequieta. Un giorno incontra un uomo che è forte almeno quanto lui ed indomabile poiché nato e cresciuto nei boschi sconfinati: Enkidu.
I due uomini si scontrano, ma la lotta finisce alla pari. Nel momento in cui i  loro occhi si incontrano, l’uno vede nell’altro la fiamma forte che gli arde dentro. Entrambi capiscono di aver trovato una persona speciale in grado di colmare il vuoto che si portavano dentro. Vuoto che solo l’amicizia può riempire.
Come due autentici fratelli vivono avventure emozionanti e insieme si sentono più forti.
Tuttavia all’improvviso Enkidu comincia a spegnersi e in breve tempo muore.
Il dolore di Gilgamesh lo sento forte nelle mie vene.
Un vero amico è un compagno per il tuo cuore.
Rimedi alla morte non ce ne sono. Neanche per un re. L’unica cosa possibile è ricordare i momenti felici passati insieme e far vivere la persona amata per sempre nel proprio cuore.
Gilgamesh diviene un sovrano saggio e amato da tutti. La sua tirannia sarà presto dimenticata.
Questa storia mi ha preso profondamente.
Ne ho persi di amici preziosi, tanto che per un momento ho pensato che da me si va soltanto via.
Piango ancora silenziosamente e non li ho mai dimenticati. Li amo ancora tanto.
Loro erano il sole delle mie giornate. Io la loro luna.
Quanti caffè presi tra sorrisi emozionati, quanti pensieri mentre si guardavano le stelle.
Anche se in cuor mio so che questi momenti non torneranno mai più, non posso fare a meno di continuare a pensarli.
Un vero amico è un compagno per il tuo cuore.
E per me lo è ancora.
Luna

                                                                                             Dedicato ad Emanuele e Angelo.


Annunci

13 thoughts on “Gilgamesh

  1. Ogni persona che si incontra arricchisce la nostra vita come noi arricchiamo la loro, perché ognuno lascia un seme nel cuore dell’altro, un seme di amicizia, affetto, amore o semplicemente di simpatia. Nulla muore nel cuore, perché solo lì tutto è eterno. Se affrontiamo i ricordi con affetto e gioia, senza egoismi né odio questi semi germogliano, crescono e fanno di noi persone uniche. Vere! Da cui non si va mai via, anche se ci si è detto addio…

  2. A tutti succede di dover dire addio a qualcuno per scelta di quel qualcuno o magari per scelta di Dio, c’est la vie.. Purtroppo.. Però ricorda che “mille secoli di storia non valgono un secondo vissuto veramente con chi mi ha insegnato qualche cosa che risplende dentro di me…”

    • Com’è vero…a volte i ricordi fanno male, ma sono ugualmente un tesoro al quale mi aggrappo con tutte le mie forze poiché non vorrei mai che mi fosse portato via. Grazie per il commento.
      P.s. Hai un nome simpaticissimo.
      Baci.

  3. Incredibile! Proprio in questo momento sto scrivendo un articolo sull’amicizia che comincia con questo pensiero:
    «Un amico fedele è un balsamo nella vita, è la più sicura protezione. Potrai raccogliere tesori d’ogni genere, ma nulla vale quanto un amico sincero. Al solo vederlo, l’amico suscita nel cuore una gioia che si diffonde in tutto l’essere. Con lui si vive una unione profonda che dona all’animo una gioia inesprimibile. Il suo ricordo ridesta la nostra mente e la libera da molte preoccupazioni. Queste parole hanno senso solo per chi ha un vero amico, per chi, pur incontrandolo tutti i giorni, non ne avrebbe mai abbastanza».
    (S. Giovanni Crisostomo)
    Un abbraccio fortissimo,
    Tommaso

  4. Spero mi perdonerai se con due anni di ritardo commento questo articolo, ma sono appena entrato nel mondo di WordPress… Avendo notato che ti piace Gilgamesh, ti consiglio, se riesci, di procurarti la versione non “modernizzata” della storia. E’ una lettura un po’ più ostica, ma potrebbe valerne la pena se, come sembra dal tuo riassunto, la vicenda è stata molto semplificata nella versione in prosa che hai recensito. Spero di riuscire nei prossimi giorni ad approfondire meglio la conoscenza del tuo blog, anche a me piace molto leggere. Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...